Edificio commerciale - Bagnolo Piemonte (CN)

2011

L’edificio è suddiviso in 4 unità immobiliari a destinazione artigianale per uso espositivo. Nell’affrontare il tema progettuale il principale vincolo compositivo è determinato dal notevole dislivello dell’asse di giacitura del fabbricato Ciò ha imposto la segmentazione dei piani di pavimentazione su 4 livelli determinando anche la divisione planimetrica delle unità immobiliari.  Ciò ha consentito di limitare i movimenti terra e i di scostamenti dal piano di campagna nei limiti imposti dalle normative.

La scelta compositiva più rilevante è la conformazione della copertura  che, centinata , ha consentito di racchiudere in un unico volume  i 4 locali artigianali ad uso espositivo , regolarizzando l’intero complesso immobiliare.

La centina ha seguito la logica di dare maggior altezza ai locali con manica più ampia e ridurla nelle porzioni più strette. Le scelte compositive sono di tipo contemporaneo  hanno “indotto” anche quelle tecnologiche ed estetiche. La struttura portante in elevazione è realizzata con portali in legno lamellare, la copertura centinata è realizzata con lamiera grecata autocentinante, il manto di copertura con lamiera autocentinante preverniciata color grigio e i tamponamenti perimetrali con pannelli sandwich rivestiti esternamente con lamiere ondulate color grigio.

Lungo il piano marciapiede della facciata sud su via Cave sono state inserite vetrine per attività commerciali che, unitamente ad una fascia di rivestimento in lamiera con trama verticale, formano una “zoccolatura” che contribuisce ad “alleggerire” il prospetto principale. Particolare cura si è posta nel controllo dei parametri climatici e all’efficienza energetica dell’edificio. In primo luogo è stata fatta l’analisi del percorso solare nei vari periodi dell’anno in modo da  individuare la posizione più appropriata per la posizione delle aperture, per gli elementi tecnologici utili all’ombreggiamento estivo e per l'utilizzo più appropriato delle risorse energetiche rinnovabili (irraggiamento e illuminazione naturali). In secondo luogo, grazie anche alla forma particolarmente “performante” dal punto di vista energetico del fabbricato, si è provveduto ad individuare la tecnologia ed i materiali più adatti per la coibentazione l’involucro edilizio.